mercoledì 29 ottobre 2008

Paella paella delle mie brame.



Questa è quanto di più simile ad una paella alla valenciana che io sappia.
Detto da me che non ho mai messo piede in suolo iberico potrebbe suonare grottesco.
Ma mi sono informata, ho chiesto, letto, provato.
Ho tartassato tutti gli amici che potessero vantare conoscenze o parentele in qualche modo legate alla Spagna e a Valencia.
E sono arrivata a diverse conclusioni.
Che "paella" si può definire del riso a chicco lungo cotto con altri ingredienti in una padella speciale bassa e larga che può andare sia su fornello che in forno.
Che l'unità di misura per gli ingredienti è il mestolo, cioè con lo stesso mestolo si devono misurare sia la quantità di riso che quella di brodo.
Che fondamentale è il tempo di riposo dopo la cottura che andrebbe fatto coprendo la paellera con della carta di giornale.
Che non ci si deve far ingannare dalle apparenze: ciò che sembra riso in brodo in pochi minuti potrebbe diventare dell'ottimo riso sgranato e asciutto.
E così è nata questa paella.
Non ci sono fagiolini.
Non ci sono pezzetti di pollo.
Ma che paella alla valenciana è?
Paella di "marisco"....

Paella di "marisco"
per 4 persone

5 mestoli di riso basmati
1 kg cozze fresche
300 gr misto calamari tagliati a striscioline(anche i tentacoli)
400 gr code di gambero
1 peperone giallo tagliato a faldine piccine
10 pomodorini ciliegino tagliati a pezzetti
2 mestoli di pisellini anche surgelati e scongelati
1 cipolla bianca media
2 spicchi aglio
2 bustine zafferano in polvere
12 mestoli di brodo di pesce
prezzemolo (qui non l'ho messo perchè non l'avevo)

Si fanno aprire le cozze e si mettono da parte conservando anche il fondo della loro acqua.
Se ne lasciano una decina con la valva e le altre si sgusciano.
Si puliscono le code di gambero togliendo anche l'intestino.
Si versano 4,5 cucchiai di olio extravergine nella paellera (ma va bene una normale padella bassa e larga).
Si fanno rosolare le code di gambero e i calamari e poi si mettono da parte in un piatto.
Nello stesso olio si mette cipolla e aglio tritati finissimi e si fanno leggermente soffriggere, poi si aggiungono peperone piselli e pomodorini e si mescola per far rosolare il tutto.
Si aggiungono di nuovo i calamari, le code di gambero lasciandone una mezza dozzina da parte e le cozze sgusciate e si mescola per far insaporire.
A questo punto si aggiunge il riso mescolando come si fa per tostare per il risotto.
Dopo un paio di minuti si versa il brodo lentamente perchè non crei "buchi" nel riso, nell'ultimo mestolo si scioglie lo zafferano e si distribuisce uniformemente su tutta la paella.
A questo punto non si deve più mescolare il riso, basta solo disporre le cozze con il guscio e le code di gambero sopra a mò di decorazione e calcolare dieci minuti di cottura a fuoco medio e a padella scoperta.
Dopo i dieci minuti si spegne il fuoco, si copre con pellicola d'alluminio cercando di sigillare i bordi così da creare una sorta di coperchio ermetico.
Dopo 5,6 minuti la paella è pronta.
Spolverata di prezzemolo se piace.
A me piace anche tiepida.

20 commenti:

manu e silvia ha detto...

acnhe noi adoriamo la paella...questa sembra proprio buonissima!!!
bacioni

Anonimo ha detto...

La paella secondo me ha dei colori stupendi, t'invita proprio all'assaggio......anche a quest'ora :D

Un bacio!
paprika

Fra ha detto...

Che delizia, per gli occhi e per il palato!
Un bacio
Fra

Zucchero & Cannella ha detto...

Io la paella non l'ho mai fatta.

Quindi se non mi metti la ricetta....come faccio ????

Forza, dai dai :)))

michela ha detto...

Splendida!
Se ci lasci così ancora un po' ..sbaviamo sulla foto.

Moka ha detto...

ehi..che riso è?
par quasi un basmati...ahi ahi ahii...ci vuola il BOMBA!

però, basmati o no...ciumbia che voglia!

Sabrina ha detto...

Sai che per una paella ben fatta potrei fare pazzie?
Ma possibile che non ci incontriamo più in chat?
Un bacio

Gunther ha detto...

una paella la mangio sempre più che volentieri

Lory ha detto...

NOI arriviamo sabato e saremo in due,un piatto ci sta?
Dimenticavo l'altro COSO in mia compagnia gradirebbe un pò di ciccia da ciucciare...ahahahah!

barbara ha detto...

Beh, Sere, è molto simile a quella di pesce che faccio io e la tua mi sembra prooooooprio venuta bene, posso una cucchiaiata????
baci e buon we.
bab

Maya ha detto...

è uno dei miei piatti preferiti!!! anche a quest'ora ci farei un pensierino!!!

emilia ha detto...

Buona ! Ho provato a farla e mi ha soddisfatta, ora mi rileggo meglio la ricetta. Buona giornata :)

AranciOnissimA ha detto...

Ma che bella paella colorata! e che bel blog!

LUCIANA ha detto...

Ma sai che non ho mai osato cimentarmi nella paella, ci sono mille ricette e alla fine non m'ispira nemmeno una!
La tua mi piace proprio semplice ma secondo me ottima, sicuramente la proverò!!!
Buona serata, a presto :-)

michela ha detto...

quando hai un microsecondo me lo puoi dedicare passando da me-'?
Grazie mille.ciao

le pupille gustative ha detto...

Ma che cosa meravigliosissima! La paella! L'ultima mangiata risale a molti anni fa, era buonissima, e la tua deve esserlo davvero altrettanto. Complimenti, un bacione

Sere ha detto...

Sery... che voglia di paella che mi hai fatto venire... Lo sai che non l'ho mai cucinata? Eppure in Spagna l'avevo mangiata e mi era piaciuta da impazzire...
quasi quasi...provo la tua ricetta!
un beso...
Sere
cucinailoveyou.com

Laura ha detto...

Quanti bei colori Serena!
Se vuoi, vieni nel mio blogo a ritirare un premio che ti vorrei consegnare.
Un bacio

Broccolo ha detto...

la faccio!
grazie per la ricetta :)

broccoliesavoiardi.blogspot.com/

Marilena ha detto...

Ma che bella e che buonaaaaa!!!
Bacetti :-)