martedì 3 febbraio 2009

C'è freddo e freddo....Gelato di crema da cucchiaiata furtiva



Si, fa freddo, ogni tanto qualche fiocco di neve imbianca tutto il paesaggio a distanza d'orizzonte ma vogliamo mettere un bel gelato di crema da mangiarsi al caldo della propria casetta?
La cucchiaiata furtiva è d'uopo per chi lo prepara, mentre la gelatiera lo sta mescolando o mentre è nel freezer per completare la mantecatura...se c'è da sacrificarsi, non ci si deve tirare indietro...
La ricetta è tratta dall'Enciclopedia della Cucina Italiana, con qualche modifica sulla quantità di panna e sul numero di uova che ho ridotto.

Gelato di crema
350 ml latte intero
200 ml panna liquida fresca
140 gr zucchero semolato
1 baccello di vaniglia
4 rossi d'uovo

Si fa scaldare il latte con la panna, 70 gr dello zucchero e il baccello di vaniglia aperto con i semini "grattati" fuori, fino alla temperatura di 65°, 70°.
Mescolare ogni tanto perchè lo zucchero tende ad attaccare sul fondo.
Mettere il latte a intiepidire.
Nel frattempo mescolare i 4 rossi con i restanti 70 gr di zucchero, senza montarli, solo mescolarli con la frusta.
Versare a filo un poco del composto di latte e panna (filtrando per togliere il baccello) sulle uova e mescolare con la frusta per amalgamare il tutto.
Versare ancora un pò di latte/panna nelle uova sempre mescolando finchè i due composti non siano amalgamati.
Rimettere il tutto nel pentolino e, a fuoco basso, portare alla temperatura di 80°,85° sempre mescolando e senza far mai alzare il fuoco per non farlo bollire.
Lasciare freddare ancora e poi versare nella gelatiera.
Da lì seguire le istruzioni (la mia ci mette circa 40 minuti) e poi conservare il gelato in freezer (non troppo, io direi al massimo tre ore).
Se riuscite a resistere tutto quel tempo.....

10 commenti:

cinzietta ha detto...

e te lo dico pure qui:
matri matri matri = sbav sbav sbav
;-))) smack

Fra ha detto...

A me il gelato piace più di inverno!!! e questo è veramente da sballo
Un bacione e buona giornata
fra

lenny ha detto...

Anche io preparo il gelato in inverno, sfidando qualsiasi pregiudizio.
Ne ho uno all'arancia, nel freezer in attesa di essere fotografato pubblicato.
Ridurre il numero di uova è una mania che condivido.
Ciao

Barbara ha detto...

Quest'anno con i punti del supermercato mi sono presa la gelatiera della kenwood... e ancora non l'ho usata... vergogna... La tua ricetta mi piace proprio (anche per la riduzione delle uova): inizierò con questa, grazie!!

Claudia ha detto...

sei fantastica come sempre Serena...

Marilena ha detto...

E' meraviglioso questo gelato!
Un abbraccio

Romy ha detto...

Sì al gelato d'inverno! Io ne sono una ferma e convintissima sostenitrice! E poi, a questo qui...come resistere? Buonissima serata! :-)

giucat ha detto...

A casa mia il gelato non manca mai, neanche d'inverno. Ma non avendo la gelatiera, lo compriamo :( Il tuo ha una consistenza davvera invitante! Cat

le pupille gustative ha detto...

Tante volte in inverno quando fa freddo freddo fuori in casa si è molto coperti, fin troppo, fino ad avere quel caldo di sottofondo che anche un po' stordisce: una cucchiata in un gelato così invitante e morbido è davvero un toccasana e un peccatuccio meraviglioso!

Alessia ha detto...

Uno dei pochissimi dolci ai quali la Sposadelvento non sa resistere..
che meraviglia!

A.